Nascita de L’Amàca Onlus e primi passi

La data di nascita de L’Amàca Onlus è il 3 settembre del 2010, quando 11 Soci Fondatori si riunirono, provenendo ciascuno o da una propria esperienza di volontariato o da riflessioni che lo portavano a desiderare di impegnarsi in un progetto di aiuto agli altri in Italia ed in Africa.

In particolare, alcuni dei Soci fondatori avevano a lungo fatto parte di una Onlus denominata Francescane con i Poveri Onlus e facente capo alla Congregazione delle Suore Francescane dei Poveri, anche con incarichi di coordinamento e di responsabilità di settori di attività, oltre che di guida della realtà associativa all’interno del suo Consiglio Direttivo. Dopo oltre un decennio di attività svolta insieme, attività che è stata ampia ed articolata in progetti in Sénégal e in attività numerose di finanziamento degli stessi (cfr., tra tante, la gestione del finanziamento da parte del Comune di Roma della scuola materna ed elementare di Louanga), queste persone hanno ritenuto di essere pronte per la creazione di una nuova realtà associativa che fosse in grado di farsi carico e di corrispondere anche ad altre nuove richieste di aiuto e di affiancamento, provenienti dal continente africano. In questo modo e con questo percorso di vita e di aspirazioni fu costituita L’Amàca Onlus.

Francesco Amoroso, Marco Antinori, Serena Appolloni, Chiara Bellotti, Pasquale Bellotti, Pierluigi Cordanti, Gabriella De Girolami, Yama Dieng, Fabiola Landi, Clara Matteucci, Anna Maria Sorbo decisero, dunque, di far nascere L’Amàca Onlus, consapevoli – tra l’altro – anche delle difficoltà e dell’impegno che si sarebbe dovuto profondere, in alcuni casi senza risparmiarsi. I Soci Fondatori provenivano, come osservato, da esperienze diverse e portavano ciascuno una propria visione del volontariato e delle sue possibili vie e modalità di espressione e di estrinsecazione. Ma, fin dall’inizio, L’Amàca è stata in grado di assumere decisioni importanti e di indicare subito i grandi filoni di attività che intendeva sviluppare e portare avanti nel tempo. Ciò sulla base e con il supporto dello Statuto associativo che è stato redatto con il contributo di tutti i Soci Fondatori e con diversi supporti esterni e che è davvero chiaro ed inequivocabile nelle indicazioni e negli obblighi che impone, per scelta stessa dei Soci.

L’Amàca ha tempestivamente fatto i necessari passi presso l’Agenzia delle Entrate per conseguire la qualifica di Onlus (iscrizione all’Anagrafe delle Onlus con effetto dal 15 settembre 2010, comunicazione della Direzione Regionale del Lazio dell’Agenzia delle Entrate del 15 ottobre 2010) ed il numero di codice fiscale che la definisce e la individua (Certificato di attribuzione del Codice Fiscale da parte dell’Agenzia delle Entrate UT Roma 1, Trastevere).

Nel tempo, L’Amàca Onlus si è dotata di un altro fondamentale documento-guida della vita associativa, il Codice Etico che vincola il comportamento dei Soci presenti e futuri (approvato in via preliminare dal Consiglio Direttivo nella sua riunione del 5 ottobre 2011 e successivamente, in via definitiva, da parte dell’Assemblea nella sua riunione ordinaria del 26 maggio 2012).

Successivamente, L’Amàca si è adoperata per disporre sia di un conto corrente bancario (presso Banca Prossima, IBAN IT12S0335901600000014341) e sia di un conto corrente postale (ovviamente presso Poste Italiane, Ufficio di Via Maurizio Quadrio, Roma; n°6177488 – IBAN IT37T0760103200000006177488).

La sede legale de L’Amàca Onlus è in Viale dei Quattro Venti 166, 00152 Roma.

L’Amàca Onlus si è presto dotata di un Logo (autrice la pittrice Enrica De Rossi, con la stilizzazione di un’amàca, come simbolo di giaciglio ove riposare e di possibilità di sopravvivenza pur nell’indigenza) poi sostituito nel 2012 con un nuovo logo


di cui è autore Fabio Fois e di un sito web (
www.amacaonlus.org) come strumento di comunicazione, da affiancare ad un primo depliant esplicativo della missione associativa e delle attività in corso.

Social Share Counters